Mirta Frosini …quando la moda è un bijoux!

Mirta Frosini …quando la moda è un bijoux!

di Piera Salvi

dicembre 2019

Vive da sempre ad Agliana, lavora nella sua ditta di Seano, segno zodiacale Leone, che ha fra le sue caratteristiche energia e creatività. Pallavolista nell’adolescenza, da sempre un’esploratrice della fantasia, a 23 anni ha chiara la sua strada e fonda la sua azienda: “Mirta Accessori Moda”. Crea una nutrita varietà di accessori per l’abbigliamento ma, soprattutto, presenta ai clienti l’accessorio moda realizzato. E’ il 1998 quando Mirta Frosini inizia quest’avventura, un’idea innovativa che ha successo grazie alla sua sensibilità, capacità creativa e a un discreto intuito che l’accompagnano nelle scelte di crescita dell’azienda. Nel 2013 nasce il brand “Mirta Bijoux”, che si distingue per eleganza e praticità, vivacità e colore. Le collezioni di Mirta trovano spazio persino sulle più famose riviste di moda nazionali e internazionali, anche le vendite si estendono in negozi di tutta l’Italia e all’estero. Sono passati ventuno anni da quando è iniziato il sogno creativo e imprenditoriale di Mirta. Anni di profondi cambiamenti nell’area pratese e nel settore della moda.

Mirta, come ti sei adeguata ai cambiamenti del mercato?

Ho sempre messo al primo posto l’artigianalità, la qualità e l’originalità del Made in Italy garantito, dalla creazione alla spedizione, scegliendo sempre fornitori italiani, un livello elevato di qualità e controllo sulle materie e sulla modalità di lavorazione. Siamo un’azienda giovane, quindi anche in grado di cavalcare l’onda del mercato: presenza sui social, vendite online, servizio personalizzato al cliente. Recentemente abbiamo aperto un nuovo show room a Campi Bisenzio, dove vendiamo anche al dettaglio. Le difficoltà ci sono, è un grande investimento, economico e creativo, che impegna 24 ore su 24.

In cosa si distinguono le tue creazioni?

Il mio obiettivo principale è creare bijoux che siano riconoscibili, non di tendenza moda ma che siano un simbolo, perfetti per essere indossati dalla mattina alla sera e rappresentare la donna in tutte le sue sfumature. Rigorosamente cento per cento Made in Italy e nickel free. Creare qualcosa di tuo, che è unico, è una grande soddisfazione.

Ci racconti come le tue collane sono arrivate fino al numero 10 di Downing street, al collo dell’ex primo ministro inglese Theresa May?

Da diversi anni, Sirmione è meta delle vacanze italiane di Theresa May e proprio in un negozio di questa città termale lady Theresa, circa tre anni fa, ha scoperto e acquistato le creazioni Mirta bijoux. Successivamente, l’ex premier del Regno Unito si è innamorata anche delle novità: la collezione Ballsmania, apprezzata da ragazzine e signore in carriera per l’elasticità e la leggerezza delle sfere in resina.

E sei pure riuscita a incontrare Theresa May…

Sì, il 30 luglio scorso, emozionatissima, ho incontrato per la prima volta la prestigiosa cliente a Sirmione. Tutto è possibile… perfino l’impossibile, questa è la mia citazione preferita, tratta dal film Mary Poppins, che ben riassume quanto accaduto in un caldo pomeriggio d’estate. Theresa May durante le vacanze a Sirmione, ogni estate ha fatto visita al negozio di un nostro storico rivenditore nel centro cittadino, per acquistare le novità. Per noi è sempre una grande soddisfazione vedere indossate le nostre creazioni fatte a mano e con tanta passione. Ovviamente, se è la signora May a indossare le nostre collane e bracciali durante importanti occasioni ufficiali, ci fa sentire orgogliose non tanto perché è un personaggio famoso, bensì perché è una donna attenta allo stile e ai dettagli, sempre molto femminili e particolari e questo riflette perfettamente il nostro modo di vedere, sentire e creare accessori moda. Desideravo da sempre incontrarla, consapevole che sarebbe stato difficile realizzare il desiderio. L’occasione è arrivata, appunto l’estate scorsa. Ho tentato l’avventura, partendo per Sirmione con la mia collaboratrice Laura Bersellini e rispettivi figli al seguito. L’incontro è avvenuto nel pomeriggio, proprio nel negozio dove la signora May, accompagnata dal marito, stava provando le nostre creazioni. Si sono dimostrati molto gentili e affabili. Non so di preciso quanti minuti siano trascorsi fra le presentazioni e il colloquio, ma sono stati emozionanti. Sono riuscita a parlare in inglese, io che non lo parlo per timidezza. Prima di salutarci, ha chiesto lei se volevamo fare una foto insieme, noi non avremmo mai osato. Un incontro speciale che rimarrà impresso nella nostra memoria per sempre.

Scrivi un commento

Per pubblicare un commento devi primaautenticarti.

Social Network

facebook

 
Help & FAQ

Se ti occorre aiuto consulta le "domande frequenti (FAQ)"
Frequently Asked Questions (FAQ) »

Contatti

Telefono: + 0573.700063
Fax: + 0573.718216
Email: redazione@noidiqua.it