Caterina Rafanelli – 30 anni al servizio della bellezza e del benessere

Caterina Rafanelli – 30 anni al servizio della bellezza e del benessere

di David Colzi

giugno 2016

studio-donna-1-

L’attività imprenditoriale di Caterina Rafanelli, quarratina di Santonuovo, inizia poco più che ventenne, ad Olmi l’8 marzo 1986. Forte del fatto che appena 3 anni prima, era stata proclamata “Campionessa italiana di trucco”, decise di aprire il suo centro estetico “Studio Donna”. In questi primi 30 anni di attività Caterina ha avuto anche il grande piacere di lavorare a stretto contatto con truccatori famosi come Gil Cagné (il truccatore delle dive), Paolo Guatelli e Diego della Palma. «La passione e l’entusiasmo possono smuovere il mondo!» dice Caterina «I giovani questo lo devono capire». Insomma per lei il lavoro è una cosa dove non ci si improvvisa; non a caso ha aderito al “Comitato Internazionale di Estetica e Cosmetologia Cidesco”, dove è stata rappresentante della Toscana. Già da qui si capisce che la sua è stata una carriera piena di soddisfazioni, arricchita da eventi esclusivi, premi ricevuti e comparse in televisione.

Iniziando la carrellata di ricordi, Caterina rammenta un concorso promosso dal quotidiano La Nazione e Confartigianato nel 2005, dal titolo “Belli si diventa, vota l’acconciatore o l’estetista dell’anno”. Qui si chiedeva alla gente di votare i migliori professionisti del settore fra: Pistoia e piana, Montagna pistoiese e Valdinievole. Ebbene Caterina arrivò prima assoluta nella categoria “Estetista”. Nell’articolo apparso su La Nazione del 15 luglio 2005, si legge che Studio Donna: “…tra i tanti partecipanti è anche quello che ha riportato il maggior numero di voti, raggiungendo quota 1240”. Caterina ci dice: «Fu una vera sorpresa, un bel regalo fatto dai nostri clienti». La televisione, come già accennato, è stata negli anni ’90 un altro motivo di orgoglio: l’emittente in questione era Teleitalia, una rete a copertura regionale, dove la signora Rafanelli dava dei consigli per il benessere e la bellezza del corpo, dimostrando praticamente con una modella, i risultati prima e dopo il trattamento proposto. «Mi sono proprio divertita». dice sorridendo Caterina «Pensi che la gente mi fermava per strada, e dopo poco tempo iniziarono ad arrivare da noi clienti da tutta la Toscana; il lavoro aumentò talmente che dovetti assumere sette persone per far fronte alle richieste. Però dopo neanche un anno conclusi questa esperienza, perché gli impegni erano diventati troppi e non riuscivo a gestire tutto».

studio-donna-2Dal 1999, “Studio Donna” si trova in via Bottatia a Bottegone, in un locale che ha 10 cabine di lavoro. «Ci sono persone che vengono da noi da oltre vent’anni» precisa. Le parole d’ordine di Caterina Rafanelli sono da sempre, bellezza e benessere, con un occhio di riguardo alla qualità naturale dei prodotti. Sul trucco, Caterina ci rivela: «E’ un’illusione ottica e a seconda di come si usano i chiari e gli scuri, si può cambiare l’espressione di un volto. Così un paio di labbra sottili, possono aumentare di volume senza l’uso di iniezioni. Da qui l’importanza di studiare i volti delle persone, perché ognuno di noi è unico». A proposito di bellezza naturale: oggi in tanti rincorrono la perfezione e l’eterna giovinezza; lei cosa ne pensa? «Nel nostro centro curiamo l’immagine del corpo e del viso, in modo che ciascuno possa vivere la propria età in maniera serena». Il nome del suo centro è “Studio Donna”, ma anche gli uomini vengono da voi? «Sì, e rappresentano circa il 20% della nostra clientela; ormai anche questo è un tabù superato. Da noi gli uomini richiedono molto il solarium, la depilazione e i massaggi. Poi anche loro, come le donne, si dedicano molto alla cura del viso». Quindi anche i “maschietti” non rinunciano a niente… «A parte il trucco, direi proprio di no» conclude sorridendo Caterina Rafanelli.

Social Network

facebook

 
Help & FAQ

Se ti occorre aiuto consulta le "domande frequenti (FAQ)"
Frequently Asked Questions (FAQ) »

Contatti

Telefono: + 0573.700063
Fax: + 0573.718216
Email: redazione@noidiqua.it