Giuntini Srl – dal passato “porte aperte” al futuro

Giuntini Srl – dal passato “porte aperte” al futuro

di David Colzi

dicembre 2019

La Giuntini Srl si occupa di ferramenta, porte e maniglie, e rientra nel novero di quelle attività storiche di Quarrata che continuano ad operare con successo nel nostro territorio e non solo. A fondarla fu Archimede Giuntini, nell’immediato dopoguerra, una volta tornato dalla Germania: Archimede infatti, era stato trasferito da Rodi come prigioniero di guerra e obbligato a lavorare in una fabbrica tedesca, a sostegno dello sforzo bellico nazista.

Nativo della località Silvione – con quel cognome non poteva essere altrimenti – aprì lì la sua prima ferramenta, o come si dice in Toscana, la “mesticheria”. Oltre a Silvione, a Quarrata esisteva anche un altro quartiere abitato dai Giuntini, detto appunto “il Giuntini”, anch’esso sulla via per Lucciano. In quel luogo, sia Archimede che il fratello maggiore Lino, spostarono le loro attività, per poi trasferirsi in un successivo momento, il primo in via Montalbano accanto al bar Nazionale e il secondo in Piazza Risorgimento, dove per un po’ ci furono due ferramenta Giuntini, che, specializzate in articoli diversi, non si facevano concorrenza. Una “suddivisione dei compiti” che tra l’altro si è mantenuta negli anni.

Archimede inizialmente si occupava di riparare i fornelli a gas, ma col tempo decise di ampliare l’offerta, andando in bicicletta a vendere viti e bullette, arrivando fino a Prato per servire i falegnami di zona. Dietro al bancone ogni giorno c’era Giorgia, moglie di Archimede, anche lei di cognome Giuntini, la quale è ricordata da tutti come il volto della mesticheria di allora, anche grazie al suo sorriso e alla sua cordialità. Un pensiero va rivolto anche a Giorgio, fratello di Giorgia, che negli anni è sempre stato vicino sia all’attività sia alla vita stessa della famiglia. E rimanendo in tema di famiglia, Marco, il figlio di Archimede, scelse fin da ragazzo di affiancare il padre nell’attività e ne è tuttora alla guida. Purtroppo, per motivi di salute della signora Giorgia, la mesticheria di via Montalbano venne chiusa improvvisamente negli anni ’70 e a quel punto, mentre Archimede decise di continuare il suo lavoro itinerante, Marco, dopo un breve periodo di affiancamento al padre, aprì la sua ferramenta in via Galileo Galilei 33, dove ancora oggi si trova la Giuntini Srl.

Marco nel nuovo millennio ha deciso di trasformare “la bottega” in un negozio all’avanguardia, specializzandosi nella vendita di porte per interni e porte blindate. A riguardo merita di essere menzionato lo showroom di maniglie al primo piano dello stabile, dove questi piccoli oggetti di arredo sono posizionati a decine gli uni accanto agli altri, tutti luccicanti, di vari stili fra antico e moderno, facendo sembrare l’ambiente quasi una gioielleria, mentre il deposito delle porte, con una giacenza media di circa milleduecento pezzi, è pensato per garantire la pronta consegna. Ma la vera carta vincente di questa storica azienda, è quella di poter personalizzare, in tempi brevissimi, le porte grazie a un servizio di falegnameria molto efficiente e di qualità. Sempre con la volontà di rimanere al passo coi tempi, la Giuntini Srl fa parte del consorzio “Dialfer – tecnica e design” che, come si legge nel sito, si occupa di riunire le migliori ferramenta sul territorio nazionale, specializzate nel servire i serramentisti in legno e i mobilieri, al fine di soddisfare la loro richiesta di risorse e competenze altamente specializzate.

Oggi, con i figli Matteo e Virginia, è presente in azienda anche la terza generazione Giuntini, mentre l’altra figlia Chiara ha scelto di dedicarsi a un’altra attività. Matteo, seguendo come venditore le orme del padre, ha creato un’agenzia di rappresentanza che distribuisce, in esclusiva con la sua rete di agenti in tutto il centro Italia, marchi come Blinfort, Parmaporte e Toscocornici Porte. E va detto che per la Parmaporte, Matteo rappresenta molto di più di un agente di commercio, perché segue gran parte dei processi aziendali, sia commerciali sia di comunicazione del brand. Virginia invece ha creato il marchio “Doors & Craft” (www.doorsandcraft.it) per riunire sotto un unico brand tutta la gamma di servizi e prodotti che la Giuntini Srl dedica al comparto porte. Un marchio che ha ricevuto apprezzamento nel mercato dei serramenti, complici l’immagine giovane e attuale che strizza l’occhio alla comunicazione digitale. Dunque oggi il “core business” dell’azienda non è più la vendita al dettaglio di ferramenta per mobili e infissi, che continua ad esserci come riferimento nel settore del legno, ma anche e soprattutto la distribuzione all’ingrosso di porte e di articoli ad esse coordinati, attraverso commerciali esterni anche fuori dai confini della Toscana. Giusto per capire quanto sia cambiata l’azienda, il commercio al dettaglio di ferramenta rappresenta attualmente soltanto il 35% circa del fatturato complessivo.

Marco oggi si occupa quasi esclusivamente della gestione aziendale, lasciando che siano i preziosi collaboratori – Andrea, Daniele, Fabio, Simone e Lucia – a seguire con passione e professionalità i clienti. E come è successo al tempo di Archimede, anche Marco conta moltissimo sulla collaborazione e sul sostegno nelle decisioni, della moglie Daniela.

Marco, qual è stato il più grande insegnamento del suo babbo?

«Mi ha sempre detto di prendermi del tempo per me e di non pensare solo al lavoro; lui questo lo ha fatto, basti ricordare che teneva la ferramenta chiusa di domenica, in un periodo in cui i negozi rimanevano aperti… Poi aggiunse anche il sabato pomeriggio, sebbene la mamma non fosse molto d’accordo!».

Social Network

facebook

 
Help & FAQ

Se ti occorre aiuto consulta le "domande frequenti (FAQ)"
Frequently Asked Questions (FAQ) »

Contatti

Telefono: + 0573.700063
Fax: + 0573.718216
Email: redazione@noidiqua.it