I campioni del ciclismo

I campioni del ciclismo

di Giancarlo Zampini

settembre 2009 

Luca Scinto. Un corridore che in carriera si è distinto come ottimo passista – uomo squadra di tanti gruppi sportivi – oggi direttore sportivo della ISD Neri, squadra di corridori professionisti, fra le cui fila spicca l’ex campione italiano Giovanni Visconti. Luca – nato a Fucecchio nel 1968 – ha scelto Quarrata come città di residenza da molti anni e vive con la propria famiglia a Santonuovo. Dopo avere vinto ogni tipo di gara fra i dilettanti, compreso la classica Firenze –Viareggio, da professionista ha sempre vestito maglie importanti, agli ordini di grandi tecnici, fra tutti il “mitico” Giancarlo Ferretti, prima con la Bianchi, dopo con Mapei. Fra le ultime corse vinte, il giro della Toscana ad Arezzo e la gara di Camaiore, in Versilia. Fra le giornate più belle di Luca Scinto da ricordare certamente il Campionato del Mondo di Zolder del 2002 in Belgio vinto da Mario Cipollini dove si distinse come una dei migliori italiani in gara: ha vestito la maglia azzurra in più occasioni. Alla guida della ISD Neri è arrivato dopo una triennale esperienza nella categoria Under 23, con la Vellutex, la Neri, anche la Finauto, dove ogni anno ha vinto oltre trenta corse, riconosciuta sempre come la migliore squadra dilettantistica italiana.

Popovych-Yaroslav Popovych. Ciclista di nazionalità ucraina ha preso residenza a Quarrata – zona Santallemura – dove vive con la propria compagna, originaria della Nuova Caledonia ed il figlio Kevin. Arrivato a Quarrata giovanissimo ha vestito i colori della Vellutex – Casa Selezione – società del grande appassionato, Floriano Geminiani, per la quale ha vinto decine e decine di corse, tutte importantissime. Passato al professionismo con il direttore sportivo Olivano Locatelli – lo stesso che lo aveva guidato fra gli Under 23 – è entrato in seguito nella squadra americana di Lance Armstrong diventandone il fedele compagno. Recentemente, sempre con il campione americano, ha partecipato al Giro d’Italia ed al Tour de France con la squadra dell’Astana, oltre quaranta giorni di gare, sempre al fianco del suo fedele capitano. Anche l’anno prossimo Yaroslav Popovych correrà con Armstrong nella nuova squadra della “RadioShack”, azienda di accessori tecnologici che da anni sostiene anche la fondazione creata dal campione statunitense.

 

 

Sciandri-Maxmilian Sciandri. Se il ciclismo inglese …parla quarratino il merito è tutto di Maximilian Sciandri, medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Atlanta del 1996, terzo anche nella Milano – Sanremo del 1993, un grande campione che vive da tanti anni a Quarrata, nella splendida frazione collinare di Tacinaia, alle pendici del Montalbano. Max, come lo chiamano gli amici, ha doppio passaporto, essendo nato a Derby nel 1967 da genitori italiani. Per molti anni ha indossato la maglia della nazionale inglese, di cui è diventato Commissario Tecnico quando ha cessato di correre. È lui che segue tutti i corridori di nazionalità inglese durante l’attività sportiva, che convoca a Quarrata ogni volta che questi devono preparare le Olimpiadi o le gare di campionato del mondo. È sempre Maxmilian Sciandri a seguire i giovani corridori Under 23 che corrono per il gruppo sportivo Sky con ottimi risultati.

 

CavendishMark Cavendish. Dopo i successi di Loretto Petrucci nel 1952 e 1953, la scorsa Milano – Sanremo ha portato alla ribalta un corridore pistoiese d’adozione, Mark Cavendish, 23 anni, di nazionalità inglese ma residente a Quarrata, nella zona di Santa Lucia: ha preso possesso di un nuovo appartamento il 22 marzo. <<Vivo a Quarrata perché li ci si può allenare bene e c’è bella gente>>, ha detto il giovane campione ai cronisti che lo hanno intervistato subito dopo la vittoria a Sanremo. Ma questo è solo l’inizio di una bella storia, visto che Mark (il britannico originario dell’isola di Man) ha partecipato al Giro d’Italia, vincendo 4 tappe, a seguire il tour de France con altre 6. Si può affermare, senza possibilità di smentita, che nel panorama ciclistico internazionale non esiste – per le corse di un giorno – un giovane con le qualità del ciclista quarratino d’adozione.

 

 

Bernucci-Lorenzo Bernucci. Fra i ciclisti quarratini di adozione anche lo sfortunato Lorenzo Bernucci (corre per la squadra della LPR), fermo dall’inizio della stagione per un incidente stradale durante un allenamento. Come tanti altri corridori, Lorenzo ha… scoperto Quarrata per avere corso fino al passaggio fra i professionisti, con la Vellutex Casa Selezione di Floriano Geminiani. Fra Gli Under 23 ha vinto di tutto, compreso il Gran Premio Liberazione a Roma, la corsa più importante al mondo. Passato professionista a 23 anni, è stato uno dei pochi ciclisti italiani a vincere una tappa al Tour de France. Lorenzo Bernucci, nativo di Ortonovo di La Spezia, risiede a Vignole di Quarrata da quando si è sposato. Come corridore si può definire un passista-veloce, adatto alle corse di un giorno, quando è in condizione esprime una vivacità in corsa come pochi altri. Pur avendo sempre fatto parte di grandi squadre – fra cui anche la Fassa Bortolo – crediamo che il meglio di sé non lo abbia ancora espresso. Attualmente è impegnato nel ritrovare la forma, anche se il calendario riserva poche corse: i tifosi di Quarrata si aspettano da lui grandi cose nel 2010.

Social Network

facebook

 
Help & FAQ

Se ti occorre aiuto consulta le "domande frequenti (FAQ)"
Frequently Asked Questions (FAQ) »

Contatti

Telefono: + 0573.700063
Fax: + 0573.718216
Email: redazione@noidiqua.it